Attività e Campi estivi 2020

AGESCI
Associazione Guide e Scout
Cattolici Italiani

Cari ragazzi, genitori e famiglie,
sappiamo tutti come questo tempo di emergenza sanitaria abbia notevolmente cambiato le nostre
abitudini e certezze, personali, ma anche quelle della nostra associazione.
In questo lungo periodo di distanziamento sociale, abbiamo cercato di organizzare delle semplici
attività per rimanere in relazione, per sostenerci a vicenda, per stare vicino a tutti voi con le modalità
che ci sono state concesse.
Come Comunità Capi abbiamo continuato ad incontrarci, per confrontarci, per elaborare dei modi
nuovi e creativi per stare insieme nel rispetto delle regole e per valutare di volta in volta le indicazioni
governative, regionali, diocesane e della nostra associazione.
Alla luce delle ultime indicazioni abbiamo riflettuto sul prosieguo delle nostre attività e sui campi
estivi.
Il desiderio di incontrarci è forte, per poter rivivere assieme le nostre relazioni personali, per poterci
confrontare con voi genitori che ci affidate i vostri figli e vivere nuove avventure con voi bambini,
ragazzi e giovani.
Vogliamo e dobbiamo farlo, ponendo al centro la sicurezza di tutti: Ragazzi, Famiglie e Capi;
formandoci su come comportarci rispetto a questa emergenza sanitaria;
nella legalità e nel rispetto della legge, cercando di rimanere informati per essere pronti al
cambiamento e rispondere così alle nuove regole che di volta in volta ci verranno comunicate.
Vogliamo e dobbiamo farlo progettando e ripensando alle modalità delle nostre attività;
cercando di essere collegati con le realtà del nostro territorio e della nostra Parrocchia, camminando
assieme per il bene comune.
Vogliamo e dobbiamo farlo per vivere quella fratellanza tra noi e con Cristo fonte inesauribile di amore,
che ci guida e sostiene le nostre vite; cercando di essere portatori di speranza.
Alla luce di tutto questo, abbiamo perciò deciso di annullare i campi estivi. Sappiamo che i campi estivi
sono per noi un forte momento aggregativo ed educativo, il culmine più alto e atteso, anche da voi
ragazzi, dopo un anno vissuto insieme, ma le condizioni attuali non ci consentirebbero di vivere nel
pieno del nostro metodo.
Stiamo valutando come Comunità Capi la possibilità di fare qualche attività, per Sestiglia, per
Squadriglia per piccoli gruppi, per poterci incontrare, salutare, raccontarci il significato che ha avuto
per noi questo momento così particolare e perchè no, con creatività divertirci assieme.
Il primo passo che siamo chiamati a fare è incontrare voi genitori, per poter stringere insieme un
nuovo patto di fiducia e condividere le modalità di ripartenza delle nostre attività.
Sarà una ripartenza graduale: cercheremo di ascoltare i bisogni dei ragazzi, di voi genitori, del territorio
per trovare le giuste modalità di incontro nel breve periodo e per progettare la ripartenza a
Settembre-Ottobre.
Osservare, Dedurre, Agire, queste sono le peculiarità del nostro metodo scout.
Vogliamo tenere a mente come capi i tre motti delle branche: Sempre Pronti a Servire, facendo del
Nostro Meglio OGGI in questo tempo che ci è dato di vivere e condividere, con le sue incertezze, ma
sicuramente con nuove gioie e attese.
Con questo spirito cercheremo di fare al meglio il nostro servizio e per farlo abbiamo bisogno dell’aiuto
di tutti, rimanendo in ascolto e cercando di essere sempre accoglienti e portatori di speranza.
Per questo quanto prima vi comunicheremo i prossimi passi e le modalità di incontro, per arrivare a
concludere questo anno scout così particolare.
La Comunità Capi di Scorzè

Festa di Gruppo 2019

Ciao a tutti,

DOMENICA 20 Ottobre faremo la nostra Festa di gruppo con la cerimonia dei passaggi

Ci troviamo tutti assieme, Lupetti e Lupette, Esploratori e Guide, Novizi e Novizie, Rover e Scolte,tutti i capi e la comunità Masci di Scorzè alle ore 8.45 presso l’oratorio per partecipare alla Santa Messa delle ore 9.00.

Dopo la Santa Messa ci sposteremo per le nostre attività al campo sportivo parrocchiale.

Dopo il grande gioco,il Masci ci preparerà una pasta che condivideremo tutti assieme, quindi ricordatevi di portare piatto o gavetta, posate bicchiere e borraccia e per chi ha tanta fame anche un po’ di secondo.

Per la pasta serviranno 2 euro ciascuno.

Alle 14.30 aspettiamo tutti i genitori presso il campo sportivo parrocchiale per la cerimonia dei passaggi e l’ingresso dei nuovi cuccioli dai Lupetti. La cerimonia terminerà verso le 16.30-17.00.

In caso d pioggia dopo la Santa Messa ci dirigeremo direttamente al Cinema Teatro Elios e faremo subito la cerimonia dei passaggi. Per motivi di capienza e sicurezza potranno entrare nel Cinema solo i ragazzi.

Vi aspettiamo puntuali Domenica per vivere tutti assieme questa nuova avventura.

La comunità Capi di Scorzè.

Apertura Mostra Fotografica 72° Gruppo Scout Scorzè 1

Oggi si è aperta la mostra fotografica del nostro gruppo scout, invitiamo tutti a visitarla!

Di seguito gli orari:

Lunedì 14.01 -Venerdì 18.01–dalle 16:00 alle 18:00

Martedì 15.01–dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 18:00

Sabato 19.01–dalle 10:00 alle 12:30 e dalle 15:30 alle 18:30

Domenica 20–dalle 9:30 alle 13:00 e dalle 15:30 alle 18:30

Di seguito qualche immagine

Taglio Del Nastro ( Francesco e Ugo hanno fatto la Promessa 06-GIUGNO-1946)

Coca 2018 con Ospiti

Pattuglia Mostra fotografica

In cammino per crescere…#comunitaincammino

17-18 Marzo 2018, località Valmorel Comune di Limana

Abbracciando la proposta nazionale lanciata dall’Agesci di una “Comunità capi in cammino”, anche noi – Comunità capi di Scorzè – la mattina del 17 marzo ci siamo messi in cammino alla volta della Casermetta del comune di Limana.

Il desiderio era quello di vivere un momento formativo in relazione al documento proposto da Agesci circa il discernimento, consapevoli di quanto sia bello e necessario – per il tipo di servizio che facciamo – sentirci parte di un unico corpo con l’associazione e con la Chiesa.

La strada è diventata occasione per condividere il proprio percorso personale, per confrontarsi, per pregare, per giocare insieme, per guardare la realtà che ci circonda interrogandoci e agendo. 

Nel pomeriggio di sabato abbiamo vissuto un momento riflessione e preghiera personale incentrata sul dono della natura da parte di Dio. Gli spunti offerti sono stati molteplici; in primo luogo la ripresa di una parte del Patto associativo (“Capi e ragazzi sperimentano il legame tra l’uomo e la natura come espressione di un unico disegno di Dio Creatore”), seguito alcuni stralci del Libro dei capi, messaggi lasciati da B.P. e diversi passaggi della lettera enciclica Laudato Si’ di Papa Francesco. È poi stata suggerita la lettura di alcuni passi della Bibbia (Genesi 1, Salmo 8, Vangelo di Matteo 6, 25-24).

Un altro momento particolarmente significativo è stato la nomina a capo di Anna, capo scout dal 2011 (per 5 anni alla guida del reparto Fiore Selvatico, negli ultimi 3 anni responsabile del clan Zorzetto), dopo un percorso scoutistico iniziato ben 21 anni fa.

Durante la serata di sabato è stato lanciato un gioco notturno volto alla sensibilizzazione circa il tema della raccolta differenziata, con l’intento di aumentarne conoscenze e consapevolezze, per poi riportarle all’intera comunità.

La mattina di domenica abbiamo vissuto un secondo momento di preghiera individuale, questa volta focalizzato sul tema del corpo, corpo inteso come insieme di membra che collaborano insieme dando ognuna il proprio contributo, a seconda della proprie capacità, valorizzando le diversità di ognuno, diversità considerate come ciò che ci rende unici agli occhi di Cristo. Partendo sempre dal Patto associativo, abbiamo preso in considerazione alcuni contributi come la testimonianza di Chiara Amirante, fondatrice e prima presidente della “Comunità Nuovi Orizzonti”, la Prima lettera ai Corinzi (12, 4-27), gli Atti degli Apostoli (2, 42-47).

Da qui una breve attività di chiarificazione sulla associazione Agesci, vista anch’essa come corpo organizzato a più livelli.

Successivamente, la celebrazione della Santa Messa è stata vissuta in un clima di semplicità e gratitudine.

Dopo un pranzo allegro e conviviale, ci siamo rimessi in cammino alla volta di casa.

Sono stati due giorni molto intensi, arricchiti da momenti di gioco, di risate, di conoscenza reciproca, di confronto personale – il tutto sempre con uno stile scout, dunque essenziale, semplice, rispettoso della natura e dell’altro -, due giorni che hanno sicuramente rappresentato una bella opportunità di crescita per tutti noi, un modo per sentirci partire di un corpo molto più grande, nonché un arricchimento da riportare all’intera Comunità di Scorzè.(Valentina)